Beneficiari dell’amministrazione di sostegno

beneficiari dell'amministrazione di sostegno

I beneficiari dell’amministrazione di sostegno pur conservando la capacità di agire e di compiere gli atti diretti a soddisfare le esigenze della propria vita quotidiana, necessitano dell’amministratore di sostegno, che si prende cura di loro e provvede a compiere le azioni necessarie per la gestione dei loro beni.

I beneficiari dell’amministrazione di sostegno possono essere:

  • anziani, disabili, o persone con dipendenza da alcol e/o droghe;
  • detenuti;
  • Malati oncologici in fase terminale o in coma purché non siano incapaci di provvedere provvedere ai propri interesse e a richiedere il ricorso all’interdizione.

La condicio sine qua non è che questi soggetti possano esprimere bisogni e aspettative tanto che il Giudice Tutelare e l’Amministratore di sostegno non possono prescindere da esse.

I soggetti che possono richiedere al Giudice Tutelare l’amministrazione di sostegno sono:

  • il beneficiario che ritiene di non essere in grado di gestire la propria vita;
  • il coniuge o il convivente;
  • i parenti entro il primo grado (padre, figlio), entro il secondo grado (fratelli, nonni, nipoti), entro il terzo grado (bisnonno, pronipoti, zii) fino al quarto grado (primi cugini, zii, pronipoti) in linea retta  e collaterale;
  • i parenti del coniuge entro il secondo grado;
  • il tutore, curatore e/o pubblico ministero;
  • i responsabili dei servizi sociali e/o sanitari.
Commenti chiusi

Leggi anche

Amministrazione di sostegno

L'amministrazione di sostegno è uno strumento giuridico di protezione della persona finali…